Sabato, 24 Dicembre 2016 18:11

#Gallarate: la verità brucia...

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

Dalla campagna elettorale del 2011, i detrattori del centrodestra e in particolare di Forza Italia, stanno lavorando a tutta forza e senza soluzione di continuità. Fa sempre piacere incrementare un mercato ma Forza Italia non insegue gossip e le polemiche inutili.

Vero che Forza Italia ha proposto Cassani Sindaco. Vero che Forza Italia ha collaborato con le altre forze del centrodestra - e non solo - ad elaborare un programma. Vero che il programma ha riscosso consenso e che Forza Italia - da dichiarata morta - oggi è ancora tra i primi partiti in Gallarate. Vero che Forza Italia ha assicurato la collaborazione e il lavoro dei suoi assessori. Vero che Forza Italia ha sempre garantito la presenza in giunta in consiglio Comunale e nelle commissioni con il sostegno ai punti proposti dall’amministrazione comunale. Vero che il ruolo dei consiglieri comunali previsto dalla legge è di indirizzo e controllo. Vero che Forza Italia Gallarate non è una caserma, e fatti salvi i principi di salvaguardia del programma elettorale e la complessa continuità amministrativa (cosa tra l'altro sempre sostenuta in tutte le sedi), rispetta la libertà del singolo anche attraverso la libertà d'opinione, del cittadino e ancora di più di un consigliere comunale di maggioranza o di opposizione. Stigmatizza quindi l'attacco mediatico contro il consigliere Martucci, unico ad essere stato citato tra i 15 consiglieri comunali e stigmatizza ancora di più la ricostruzione di fatti che trascurano l'intervento di legittima difesa del consigliere Martucci dopo l’articolo apparso sul quotidiano La Prealpina del 13 u.s. a firma di Aldo Macchi.

Forza Italia è dunque partecipe sostenendo attivamente questa maggioranza e benché dia fastidio al centrosinistra la dialettica sui lasciti del Maga (costi su cui non si è mai intervenuti in cinque anni), la dialettica sull’Urbanistica dove vi è una spada di damocle con contenziosi di svariati milioni di euro, la dialettica sul caso di via Montello e ancora la dialettica sull’esproprio dell’area Crespi, Forza Italia ora intende fare chiarezza sul bilancio, o meglio dire sullo squilibrio dei conti che hanno visto entrate fantasiose con crediti non riscossi. Così come Forza Italia si aspetta da tutti che venga fatta luce sullo stato di Amsc, rimasta ad appannaggio di svariate consulenze. Forza Italia si aspetta una operazione verità a 360 gradi, una operazione verità sull’era dei capaci manager come Sergio Praderio, Giovanni Girardi, Dario Minella e non dimentichiamo il portavoce di CèV Marco Montemartini fino ad arrivare a Luciano Spairani, il liquidatore. Un manipolo di uomini degni del centrosinistra che hanno portato l’azienda e il comune ad una situazione estrema che impedisce la normale amministrazione nonché la garanzia dei servizi essenziali. Forza Italia si aspetta una operazione verità senza paura e senza farsi condizionare dal ricatto dell’ostruzionismo e delle schermaglie di ripicca della vecchia giunta che ostacola, rallenta e attacca.

Con tutto questo Forza Italia intende essere l’elemento propulsivo di questa maggioranza, che è stata eletta per voltare pagina, proponendo soluzioni concrete alle reali esigenze quotidiane dei gallaratesi.

Letto 261 volte Ultima modifica il Venerdì, 20 Gennaio 2017 08:30
Alberto Bilardo

Sono genitore e padre di Luca e Federico. Marito di Katia.
Vivo della mia professione. Sono ingegnere civile e dirigo il mio studio che ho fondato nel 1997. Ho la responsabilità di un dipendente.
La mia passione è la politica. Sono iscritto a Forza Italia da 18 anni. Ho ricoperto cariche amministrative in enti locali e società pubbliche. Grazie a queste esperienze ho potuto approfondire il funzionamento della macchina amministrativa dello stato. 

Attualmente sono componente del coordinamento provinciale di Varese e commissario Cittadino di Forza Italia a Gallarate.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.